Travelers
Open call
Contributions /

Haris Epaminonda
Chapters I-XXX

Concept: Haris Epaminonda and Marco Walser, Elektrosmog, Zürich
Graphic design: Marco Walser, Elektrosmog, Zürich
Image design / editing: Haris Epaminonda
Hardcover folder | English
24 film stills (color)
30 posters (b/w & Color)
23x31x2cm
€ 39,00
Co-published with Kunsthaus Zurich
ISBN 978-88-908418-5-9

L’idea del libro è nata durante la raccolta delle suggestioni e dei racconti che sono confluiti in Chapters, un film in 16 mm girato a Cipro nel 2012, e si è sviluppata come un esercizio o piuttosto come un esperimento utile a decostruire il film in alcuni dei suoi temi. Addentrandosi in una nuova serie di associazioni tra immagine e soggetto, fonte e informazione, significato e astrazione, questo libro è allo stesso tempo un documento e una mappa della memoria, che tratteggia gli inizi di un pensiero, di un’immagine, di un luogo, di un tempo.

Chapters I-XXX è pubblicato e presentato in occasione di due mostre di Haris Epaminonda: Chapter IV (Fondazione Querini Stampalia, Venezia, 14 marzo – 18 maggio 2014) e Haris Epaminonda. Vol. XIV (Galleria Massimo Minini, Brescia, 25 marzo – 18 maggio 2014).

Disponibile online l’EDIZIONE LIMITATA del libro che include un poster firmato dall’artista.
Per maggiori informazioni: info@humboldtbooks.com

Haris Epaminonda, attraverso l’utilizzo di video, film, collage, fotografia, libri e oggetti, ricostruisce narrazioni non-lineari, grazie a un processo estensivo di montaggio e smontaggio di materiali di cui si appropria gradualmente. L’artista lavora con immagini del passato – fotografie di viaggio sbiadite, pagine di vecchie riviste naturalistiche e di artefatti etnografici o estratti di programmi televisivi dimenticati.
In seguito Epaminonda altera le immagini, tagliandole e ricavandone delle strisce, per sviluppare nuovi lavori ascrivibili interamente alla contemporaneità.

Haris Epaminonda è nata a Nicosia, Cipro. Attualmente vive e lavora a Berlino. Ha studiato a Londra alla Kingston University e al Royal College of Art. Il suo lavoro è stato esposto in diverse mostre personali, organizzate presso alcune delle più influenti istituzioni d’arte contemporanea come il Museum of Modern Art, NY (2011); Schirn Kunsthalle, Frankfurt, Germania (2011); Tate Modern, Londra (2010); e Malmö Konsthall, Svezia (2009). Il lavoro di Epaminonda è stato incluso in significative mostre collettive, come dOCUMENTA (13), Kassel (2012), 2. Athens Biennale (2009) e 5. Berlin Biennale (2008).

 

In tracing some of the notions and narratives embedded in Chapters, a 16 mm film shot in Cyprus in 2012, the idea of making a book came about as an exercise, or rather an experiment, to deconstruct the film into some of its subject matters. Embarking on a new set of associations between image and subject, source and information, meaning and abstraction, this book is both a document and a memory map, tracing the beginnings of a thought, a time, an image, a place.

Chapters I-XXX is published and presented in conjunction with the exhibitions Haris Epaminonda. Chapter IV at Fondazione Querini Stampalia, Venice (14 March – 18 May 2014); Haris Epaminonda. Vol. XIV at Galleria Massimo Minini, Brescia (25 March – 18 May 2014).

Available online a LIMITED EDITION of the book including a signed poster.
For further information: info@humboldtbooks.com

Haris Epaminonda uses video and film, collage, photography, books and objects in an extensive process of assembling and disassembling appropriated materials to reconstruct non-linear narratives. The artist works with found images from the past – sometimes faded travel photographs, or the pages of old nature magazines, ethnographic artifacts or footage from forgotten television programmes. Epaminonda then manipulates the images, cutting and layering, to create new works that feel wholly part of the present.

Haris Epaminonda was born in Nicosia, Cyprus and currently lives and works in Berlin. She was studied at Kingston University, London and Royal College of Art, London. Her work has been presented in several solo exhibitions in some of the leading institutions for con- temporary art such as the Museum of Modern Art, NY (2011); the Schirn Kunsthalle, Frankfurt, Germany (2011); Tate Modern, London (2010); and Malmö Konsthall, Sweden (2009). She has also been included in significant group exhibitions, like dOCUMENTA (13), Kassel in 2012, the 2nd Athens Biennale (2009) and the 5th Berlin Biennale (2008).