Travelers
Open call
Contributions /

Hilario Isola
Oh… My God!

Testo /Text: Manfredo di Robilant
colour
32 pages, color
21×29,7 cm
Graphic Design: Humboldt Books
Paperback
€ 12.00
English
ISBN 978-88-99385-36-1

Buy



The artist’s book Oh.. My God! collects a photo series taken last spring by Hilario Isola in Myanmar, one of the Buddhism’s sacred places, where one houndred or so temples has been destroyed by a recent earthquake.
Now the pagodas affected by the earthquake, covered by thin bamboo structures, have taken original and unexpected forms, hanging between architecture and art, life and destruction.
This temporary condition allowed the artist to catalogue, study and also to develop a sort of appropriation.

Hilario Isola is a visual artist primarily working with installation, drawing and sculpture. He graduated in Art History and Museology and his interests still span through art history, architecture and natural environments. He creates delicate, often visually subtle installations that respond directly to the context and exhibition spaces, the landscape or any particular environment. His works imply such diverse forms as living systems, objects,photographs, drawings and music.
Taking the exhibition and its ritual as an object in itself, Hilario Isola has worked to change the paradigm of this encounter, exploring the possibility of this dynamic experience. Engaging with, and subtly intervening in nature so as to reimagine it in artificial terms, Isola finds ever new ways to mark the persistence of biological life, harmonizing elemental occurrences in terms of his own artistic drive. In each work, he reveals the innate sculptural qualities of natural materials, casting from nature to expose the deep patterns of growth and time.

.

Il libro d’artista Oh.. My God! raccoglie una serie di scatti fotografici realizzati nella primavera del 2017 da Hilario Isola in Myanmar, nei luoghi sacri del buddismo dove il terremoto ha recentemente danneggiato diverse centinaia di templi.
Le pagode terremotate, ricoperte ora da esili strutture di bambù, hanno preso forme inedite e sorprendenti sospese a metà tra architettura e arte, tra vita e distruzione.
Questo stato transitorio ha dato spazio all’artista per una sorta di catalogazione/studio e al contempo a una forma di appropriazione.

.

Hilario Isola è un artista visivo che realizza soprattutto installazioni, disegni e sculture. Diplomatosi in Storia dell’Arte e Museologia, i suoi interessi vanno dalla storia dell’arte all’architettura, agli ambienti naturali. Le sue delicate installazioni, spesso sottili, rispondono direttamente al contesto e agli spazi espositivi, utilizzando diversi mezzi come sistemi viventi, oggetti, fotografie, disegni e musica.
Trattando la mostra e il suo rituale come un oggetto di per sé, Hilario Isola ha lavorato per cambiare il paradigma di questo incontro, esplorando la possibilità di questa esperienza dinamica. Intervenendo sobriamente sulla natura, come per re-immaginarla in termini artificiali, Isola trova sempre nuovi modi per evidenziare la persistenza della vita biologica, armonizzando avvenimenti elementari con il suo impulso artistico. In ogni lavoro egli rivela le sue innate qualità scultoree dei materiali naturali, partendo dalla natura per mostrare i disegni profondi dello sviluppo e del tempo.