Questo sito usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando la navigazione si accetta la nostra cookie policy.

Chiudi
CHECKOUT
Torna indietro
25,00 €
21,25 €
acquista
Ettore Favini

Arrivederci

Italiano, Inglese
Copertina rigida, lamina a caldo, 160 pagine, 17 x 22,5 cm
2016
ISBN 9788899385149

Ettore Favini

Arrivederci

Italiano, Inglese, Copertina rigida, lamina a caldo, 160 pagine, 17 x 22,5 cm, 2016.
ISBN 9788899385149

21,25 €
21,25 €

Ho viaggiato in Sardegna per più di un mese, esplorando città e paesi alla scoperta di una delle più antiche tradizioni dell’isola e del bacino del Mediterraneo: la tessitura. Ho visitato più di venti laboratori tessili artigianali, ho incontrato stilisti, artigiani, tintori, amici e amici di amici. Queste visite sono state indispensabili per approfondire la conoscenza della materia che sto trattando: trama e ordito, che per me rappresentano una metafora della vita. Durante questo viaggio ho ricevuto in dono un centinaio di tessuti. Al mio ritorno via nave sono arrivato a Genova: un porto, l’inizio o la fine di un viaggio per chi parte o torna dalla Sardegna. A Genova ho scoperto l’esistenza di una grande tradizione di tessitura: gli arazzi broccati genovesi, il velluto di Zoagli, la tintura di indaco che ha creato, con la tela genovese, il mito del jeans nel mondo. Una volta ritornato in studio ho cucito insieme i tessuti e le storie, realizzando un monumentale arazzo che è dedicato non solo a chi ho conosciuto, ma a tutta l’Isola. Il racconto che segue è il mio personale diario di viaggio […]: nelle mie intenzioni deve servire a dare un volto e una storia a ogni tessuto che ho raccolto o mi è stato donato. Senza questo racconto le opere in mostra sarebbero incomplete e le pezze da cui sono composte non avrebbero voce. (E.F.)
Questo libro accompagna la duplice personale dell’artista presso il Museo MAN (Nuoro) e il Museo Villa Croce (Genova), tenutesi nel 2016 e a cura di Chiara Vecchiarelli, autrice di uno dei testi inclusi nella pubblicazione insieme a quelli di Ilaria Bonacossa, Lorenzo Giusti, Antonio Marras e Ettore Favini.

CREDITS

Graphic design: Massimiliano Pace

you may also like