Questo sito usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando la navigazione si accetta la nostra cookie policy.

Chiudi
CHECKOUT

Authors

A B C D E F G H I J K L M N O P R S T U V W Y Z

Stefano Arienti

Stefano Arienti è laureato in scienze agrarie con una tesi in virologia. Esordisce come artista nel 1985 nella ex fabbrica Brown Boveri di Milano, dove incontra Corrado Levi, suo primo maestro. Partecipa alla 45ª Esposizione Internazionale d’Arte Biennale di Venezia (Aperto 1990, 1993), alla 3ª Biennale di Istanbul (1992), alla XII Quadriennale di Roma, 1996 (primo premio) e alla 7ª Biennale di Gwangju (2008). Tra le personali: MAXXI, Roma (2004), Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino (2005), Isabella Stewart Gardner Museum, Boston (2007), Fondazione Querini Stampalia, Venezia (2008), MAMbo, Bologna (con Cesare Pietroiusti, 2008), Palazzo Ducale, Mantova (2009), Museion, Bolzano (con Massimo Bartolini, 2011). Appassionato viaggiatore, è oggi uno dei più noti artisti italiani.

W.H. Auden

W. H. Auden è stato un poeta britannico, naturalizzato successivamente cittadino americano. Auden è autore di The Age of Anxiety con cui ha vinto il premio Pulitzer per la poesia nel 1947 ed il titolo diventato famoso perchè descrive l’età moderna.

Marc Augé

Marc Augé, filosofo francese, è uno dei più famosi antropologi contemporanei. È noto per aver introdotto il neologismo 'nonluogo' con il suo libro "Non-Lieux. Introduction à une anthropologie de la surmodernité" (Nonluoghi. Introduzione a una antropologia della surmodernità, Elèuthera 1996).

Alterazioni Video

Alterazioni Video è un collettivo di artisti composto da Paololuca Barbieri Marchi, Alberto Caffarelli, Matteo Erenbourg, Andrea Masu e Giacomo Porfiri, fondato a Milano nel 2004 con base a New York, Berlino e Milano. Sono conosciuti per "Incompiuto Siciliano", un progetto di rilettura del paesaggio italiano e dell’architettura incompiuta esposto anche alla 12. Biennale di Architettura di Venezia e al Museo MAXXI di Roma. Negli ultimi cinque anni il collettivo ha prodotto dieci film, raccolti sotto il nome di Turbo Film ed esposti in festival del cinema e spazi dell’arte, tra i quali Performa, New York; Milano Film Festival; Art Basel Miami e PAC, Milano.

Dino Baldi

Dino Baldi, filologo classico e scrittore, è stato tra i collaboratori della rivista “Il Semplice. Almanacco delle prose”, curata da Ermanno Cavazzoni e Gianni Celati. Ha pubblicato con Quodlibet Morti favolose degli antichi (2010) e la traduzione e cura dell’Anabasi di Senofonte (La spedizione verso l’interno 2012). Nell’ambito degli studi classici ha pubblicato Filologi ed antifilologi (Le Lettere, Firenze 2006) e La filologia, il metodo e la scuola di Enea Piccolomini (Gonnelli, Firenze 2012). Dirige, assieme a Elena Frontaloni e a Paolo Maccari, la collana digitale Quodlibet Note azzurre, per la quale ha curato il romanzo di Giuseppe Fraccaroli L’Isola dei Ciechi (2013). Nel 2015 ha pubblicato Vite efferate di papi, un'opera in cui emergono vizi, virtù, stranezze e ambizioni di molti papi.

Joanna Banham

Joanna Banham è curatrice presso il Victoria & Albert Museum, Londra.

Pietro Maria Bardi

Pietro Maria Bardi (La Spezia, 1900 – San Paolo, 1999) è stato uno scrittore, curatore e collezionista italiano, noto principalmente per aver fondato e diretto il MASP Museu de Arte de São Paulo.

Gianfranco Baruchello

Gianfranco Baruchello (Livorno, 1924). Artista e pittore italiano di fama internazionale, grande sperimentatore di tecniche e linguaggi, dalla metà degli anni cinquanta l’artista ha esplorato pittura, installazione, assemblaggio, film, fotografia, disegno, scrittura e sonoro, espandendo la ricerca visiva ben oltre gli ambiti linguistici tradizionali e introducendo nel linguaggio dell’arte le pratiche dell’agricoltura, dell’antropologia e dell’economia come forme di analisi critica della società dei consumi.

Pubblicazioni

Sogni Dreams

Gabriele Basilico

Gabriele Basilico è considerato uno dei maestri della fotografia contemporanea. Dopo la laurea in architettura nel 1973, si dedica con continuità alla fotografia. Le trasformazioni del paesaggio contemporaneo, la forma e l’identità delle città e delle metropoli, sono stati gli ambiti di ricerca privilegiati di Gabriele Basilico. Milano ritratti di fabbriche (1978-80), è stato il suo primo lavoro ad avere come soggetto la periferia industriale. Ha partecipato nel 1984-85 alla Mission Photographique de la DATAR, il mandato governativo affidato a un gruppo internazionale di fotografi con lo scopo di rappresentare la trasformazione del paesaggio francese. Nel 1991 ha preso parte alla missione su Beirut. Basilico è stato insignito di numerosi premi e le sue opere fanno parte di prestigiose collezioni pubbliche e private, italiane e internazionali. Nell’arco della sua carriera ha pubblicato oltre sessanta libri personali.

Geoffrey Batchen

Geoffrey Batchen insegna Storia dell'Arte alla Victoria University di Wellington in Nuova Zelanda. Scrittore e curatore, Batchen è l'autore di Burning with Desire: The Conception of Photography (MIT Press, 1997) [Un desiderio ardente. Alle origini della fotografia (Johan & Levi, 2004)].

Mario Bellini

Mario Bellini è architetto e designer. Ha ricevuto il Premio Compasso d’Oro otto volte e 25 delle sue opere sono nella collezione permanente del MoMA di New York, che gli ha dedicato una retrospettiva nel 1987. È stato direttore della rivista “Domus” (1985-1991). Ha progettato numerose mostre d’arte e di architettura sia in Italia che all’estero. Dal 1980 si dedica prevalentemente all’architettura. Tra gli edifici progettati e realizzati figurano il Quartiere Portello di Fiera Milano, il Centro Espositivo e Congressuale di Villa Erba a Cernobbio (Como), il Tokyo Design Centre in Giappone, l’America Headquarters di Natuzzi negli Stati Uniti, la National Gallery of Victoria a Melbourne, gli Headquarters della Deutsche Bank a Francoforte, il Museo di Storia della Città di Bologna, l’edificio per il Dipartimento delle Arti Islamiche al Louvre di Parigi, e il nuovo Centro Congressi di Milano. Nel 2015 la Triennale di Milano gli ha assegnato la Medaglia d’Oro alla carriera per l’Architettura e nel 2016 gli ha dedicato una retrospettiva.

Pubblicazioni

USA 1972

Francesca Berardi

Francesca Berardi è una giornalista italiana che vive a New York. Il suo interesse per luoghi in fase di grandi cambiamenti è cominciata negli anni passati in Europa dopo la laurea, quando ha curato diversi progetti artistici, tutti incentrati sul ruolo dell’arte in aree postindustriali. Tra le altre una mostra per la Biennale di Manifesta in Belgio nel 2012 in una ex miniera di carbone. Ha visitato per la prima volta Detroit nel 2013, quando ha cominciato il suo progetto editoriale grazie a un crowdfunding. Nel 2016 si è laureta alla Scuola di Giornalismo della Columbia University, dove ha frequentato un master in Politica.

Pubblicazioni

Detour in Detroit

Donatella Bernardi

Donatella Bernardi è un’artista multidisciplinare che lavora con installazioni, pubblicazioni, video, saggi e curatela di mostre. La sua ricerca esplora temi legati a potere, genere, post-colonialismo, ingiustizia razziale e capitalismo. Prima membro del collettivo Zorro & Bernardo (2001-2006), ha co-fondato e co-diretto il festival nomade Eternal Tour (2008-2012). Dal 2010 è docente al Royal Institute of Art di Stoccolma. Bernardi è stata membro dell’Istituto Svizzero di Roma (2006-2008) e ricercatrice alla Jan van Eyck Academie di Maastricht (2008-2009). Ha conseguito un dottorato di ricerca sugli eventi e il sistema dell’arte contemporanea nel contesto della globalizzazione presso la Queen Mary University di Londra. Vincitrice del Picker Bursary nel 2012, l’anno successivo ha pubblicato la sua prima monografia In Pursuit of Unlimited Hospitality. Nel 2015 è stata curatrice ospite alla Kunsthalle di Berna, un’esperienza da cui è nato il progetto di pubblicazione Into Your Solar Plexus.

Pubblicazioni

Into Your Solar Plexus

Francesca Bernasconi

Francesca Bernasconi è parte dello Staff scientifico del Museo d’Arte della Svizzera italiana a Lugano.

Collaborazioni

Gerusalemme Fotografata

Luca Bertolo

Luca Bertolo è un artista italiano, che lavora soprattutto con la pittura. Tra le sue mostre La Figurazione Inevitabile, curata da Marco Bazzini e Davide Ferri al Centro per l’Arte Contemporanea Pecci di Prato (2013), A Painting Cycle curata da Cecilia Canziani e Ilaria Gianni alla Nomas Foundation di Roma nel 2012 e Six tips for ageing with grace, alla galleria Arcade di Londra (2012).

Collaborazioni

Orizzonte in Italia

Vanni Bianconi

Vanni Bianconi, nato a Locarno nel 1977, vive a Londra. È l’ideatore e direttore artistico del festival di letteratura e traduzione Babel ed è tra i creatori della rivista multilingue «Specimen. The Babel Review of Translations». Le sue poesie sono state tradotte in una decina di lingue, e pubblicate in volumi, riviste e antologie. Ha vinto il Premio Schiller per la poesia con Ora prima. Sei poesie lunghe (Casagrande, 2008), e il Premio Marazza per la traduzione dell’Oratorio di Natale di W.H. Auden.

Maxime Bichon

Maxime Bichon è un giovane artista francese che vive e lavora a Parigi. La sua pratica lavorativa riflette il paesaggio, geografico o relazionale, attraverso performance e installazioni.

Marco Biraghi

Marco Biraghi, professore ordinario di Storia dell'Architettura presso il Politecnico di Milano, è autore di "Storia dell’architettura Italiana 1985-2015" (Einaudi, 2013) e di "Storia dell'architettura contemporanea I-II" (Einaudi, 2008).

Pierre Bjork

Angelo Del Boca

Angelo Del Boca è uno scrittore, giornalista e storico italiano. È stato il primo studioso italiano a denunciare le atrocità compiute dalle truppe italiane in Libia e in Etiopia. Nel luglio del 2014 l’Università di Addis Abeba gli ha conferito la laurea honoris causa in Storia Africana. È direttore della rivista di storia contemporanea “I sentieri della ricerca”.

Gianluca Bocchi

Collaborazioni

Hämatli & Patriæ

Frank Boehm

Kitti Bolognesi

Collaborazioni

Matera 1953

Ilaria Bonacossa

Ilaria Bonacossa, curatrice e critica, dal 2012 al 2016 ha diretto il Museo di Villa Croce di Genova: istituzione municipale dedicata all’arte contemporanea. Dal 2017 è direttrice di Artissima, Torino.

Laurence Bonvin

Pubblicazioni

Gotthard Super Express

Dario Borso

Collaborazioni

Danimarca 1961

Giuliana Bruno

Giuliana Bruno è professoressa di Studi Visuali e Ambientali all’Università di Harvard. È conosciuta a livello internazionale per la sua ricerca sulle intersezioni tra arti visive, architettura, cinema e media. Il suo libro Atlante delle Emozioni: in viaggio tra Arte, Architettura e Cinema (2002) ha vinto nel 2004 il Kraszna-Krausz Award.

Pubblicazioni

Epistolae Variae

Nils Bubandt

Franco Buffoni

Nanna Debois Buhl

Nanna Debois Buhl è un’artista che vive e lavora tra Copenhagen e New York. La sua pratica lavorativa si traduce in una continua ricerca tra vari saperi culturali e storici, attraverso botanica, vita animale, arte figurativa e componenti architettonici. Ha partecipato all’Independent Study Program del Whitney Museum (New York 2008 - 09). I suoi film e le sue installazioni sono state esposte al Pérez Art Museum (FL), SculptureCenter (NY), Art in General (NY), The Studio Museum (Harlem, NY), El Museo del Barrio (NY), Lunds Konsthall (Svezia), Kunsthal Charlottenborg e Herning Museum (Danimarca).

Mario Calabresi

Mario Calabresi è giornalista e scrittore italiano, direttore del quotidiano “La Repubblica” dal gennaio 2016.

Collaborazioni

USA 1972

Giovanna Calvenzi

Giovanna Calvenzi è photo-editor e collaboratrice di diversi periodici italiani. Dal 2012 è consulente per l’immagine della Periodici San Paolo. Insegna photoediting e svolge un’intensa attività di studio sulla fotografia contemporanea.

Giorgio Andreotta Calò

Giorgio Andreotta Calò è un artista italiano che vive e lavora tra Italia e Olanda. Nel 2011 il suo lavoro è stato presentato alla 54ª Esposizione Internazionale d’Arte, Biennale di Venezia. Nel 2012 ha vinto il Premio Italia per l’arte contemporanea promosso dal Museo MAXXI di Roma con l’opera Prima che sia notte. Nel 2014 ha vinto il Premio New York, promosso dal Ministero per gli Affari Esteri Italiano. Tra le sue personali: In girum imus nocte ZERO, Milano e 5122.65 Miles Depart Foundation, Los Angeles. Nel 2017 rappresenta l’Italia alla 57ª Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia.

Matteo Campagnoli

Matteo Campagnoli è autore di un libro di poesie, In una notte fortunata (Casagrande 2010), e di una pièce teatrale, Dioniso a Tebe (2012), tratta dalle Baccanti di Euripide. Inoltre ha lavorato in teatro al fianco di Derek Walcott alla messa in scena italiana di due pièce del poeta caraibico, Odissea. Una versione teatrale (Ortigia Festival 2005) e Moon-Child (American Academy in Rome 2011). Tra gli autori curati e tradotti, Derek Walcott e Iosif Brodskij per Adelphi e David Foster Wallace per Casagrande. I suoi testi sono apparsi su “Lo Straniero”, “Corriere della Sera”, “Sole 24 ore”, “Viceversa” (CH), “Agenda” (GB), “Epiphany” (USA). È vincitore del Premio Mario Luzi per la poesia e del Premio Marazza per la traduzione. Dal 2007 dirige il Settore ricerca di Babel. Festival di letteratura e traduzione (Bellinzona).

Frida Carazzato

Frida Carazzato lavora dal 2009 come assistente curatore presso Museion, Museo di Arte Contemporanea di Bolzano. Nel 2010 ha curato E-flux Video Rental, un progetto di Julieta Aranda e Anton Vodokle presso Fondazione Giuliani, Roma. È l’autrice di Pratiques et expériences curatoriales italiennes.

Collaborazioni

Negus

Suite-case (Guia Del Favero e Francesco Cardarelli)

Barbara Casavecchia

Barbara Casavecchia è critica d’arte, giornalista e curatrice indipendente. Contributing editor di “Frieze”, collabora con “D La Repubblica”, “Flash Art”, “Art Review”, “Kaleidoscope” e “Mousse”.

Vincenzo Castella

Vincenzo Castella (Napoli, 1952) è tra i più noti fotografi italiani. Vive a Milano e dal 1975 usa la fotografia a colori. Dal 1998 inizia la serie sugli edifici e realizza ipotesi di narrazione visiva sulla complessità del tessuto e dell’intreccio delle città, producendo grandi stampe a colori da film di grande e grandissimo formato. Lontano da qualunque forma di evoluzionismo stilistico, il suo lavoro è legato all’analisi del linguaggio, all’esistenza e alla visione. Di questa ricerca fanno parte immagini di città italiane ed europee come Napoli, Milano, Rouen, Caen, Le Havre, Helsinki e Berlino e immagini di territori e siti come Ramallah e Gerusalemme. Ha esposto in gallerie e musei in molti Paesi del mondo e ha partecipato più volte alle Biennali di Arte e di Architettura di Venezia.

Alessandro Castiglioni

Andrea Cavalletti

Collaborazioni

The Variational Status

Luca Cerizza

Luca Cerizza è autore e critico d'arte. Vive tra Berlino e Mumbai. Ha organizzato diverse mostre in Italia e all'estero. Collabora con la rivista “Frieze” ed è Berlin Editor di “Kaleidoscope”.

Marina Ballo Charmet

Marina Ballo Charmet è un’artista che lavora con la fotografia e il video. La sua ricerca si basa sul quotidiano, il " “sempre visto” che lei stessa definisce “il rumore di fondo della nostra mente”. Ha esposto in numerosi musei, tra cui Gallerie d’Italia, Milano; MAXXI, Roma; Triennale, Milano; Fotomuseum Winterthur; Centre National de la Photographie, Parigi; Storefront for Art and Architecture, New York. Ha preso parte alla 12ª Esposizione Internazionale d’Architettura Biennale di Venezia (2010) e 47ª Esposizione Internazionale d’Arte Biennale di Venezia (1997). Ha pubblicato diversi libri, tra cui Il parco (Charta, Milano 2008) e Marina Ballo Charmet, Fotografie e video 1993/2007, (Electa, Milano 2007) e Sguardo Terrestre (MACRO – Quodlibet 2013).

Clement Cheroux

Clement Cheroux è conservatore del fondo fotografico del Centre Pompidou. Storico della fotografia, ha insegnato all'università di Paris I, Paris VIII e all'École nationale supérieure de la photographie di Arles. Caporedattore della rivista “Études photographiques”, è consigliere scientifico del Musée Nicéphore-Niépce di Châlon-sur-Saone e membro del consiglio d'amministrazione della Société française de photographie.

Collaborazioni

Nello stesso momento

Sara De Chiara

Collaborazioni

Frantic

Gaëlle Choisne

Maria Giovanna Cicciari

Maria Giovanna Cicciari si è laureata in lettere presso l’Università di Milano e nel 2010 si è specializzata in cinema e video presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Nel 2009 ha vinto il primo premio del Festival Filmmaker di Milano con il cortometraggio La natura delle cose, diretto con Federico Chiari. Nel 2011 ha realizzato il documentario Dora Gaia, proiettato nella sezione “Fuori formato” del Festival Filmmaker Doc 16.

Pippo Ciorra

Marco Ciriello

Marco Ciriello è uno scrittore e giornalista italiano. Scrive per "Il Messaggero" e "Il Mattino". È autore dei documentari Ezra Pound, Poeta, e Storia della Triennale di Milano.

Christopher Collins

Christopher Collins lavora principalmente nel campo delle poetiche cognitive, concentrandosi sulla percezione e sulla memoria simulate nell'atto di leggere. Tra le sue pubblicazioni: Paleopoetics: The Evolution of the Preliterate Imagination (2013) e  Neopoetics: The Evolution of the Literate Imagination (2016).

Cristina Comencini

Collaborazioni

Italia 1945/1948

Luigi Comencini

Luigi Comencini è stato uno dei maggiori registi italiani del dopoguerra. Dopo gli esordi neorealisti ha affrontato quasi tutti i generi cinematografici. Memorabili, tra molti, Pane, amore e fantasia (1953), Tutti a casa (1960), Lo scopone scientifico (1972). Di enorme successo anche le sue serie televisive: I bambini e noi (1970), Le avventure di Pinocchio (1972), L'amore in Italia (1978). Nella gioventù, trascorsa a Milano, è stato tra i fondatori della Cineteca Italiana.

Pubblicazioni

Italia 1945/1948

Luisa Comencini

Collaborazioni

Matera 1953

Rita Canarezza & Pier Paolo Coro

Rita Canarezza & Pier Paolo Coro vivono e operano a San Marino. La loro attività artistica si caratterizza per una specifica ibridazione tra ricerca nell’ambito antropologico, linguaggi documentaristici e pratica performativa. Il più grande e complesso progetto elaborato da Canarezza & Coro nel corso degli anni, a partire dal 2004, è Little Constellation: un network dedicato alla conoscenza e la diffusione della pratica artistica nei Piccoli Stati e nelle Micro Aree Geopolitiche d’Europa che conta la partecipazione di oltre quaranta partner in diciannove diversi paesi. Tra le istituzioni presso cui hanno esposto: C.C.A. Center for Contemporary Art Kitakyushu, Kitakyushu, Giappone 1999; Manifesta 3, Lubiana, 2000; Istituto di Cultura Svizzero SIS, New York, 2002; Careof/DOCVA, Milano, 2010; Mudam, Musée d’Art Moderne Grand-Duc Jean, Lussemburgo, 2011; dOCUMENTA(13) Kassel, 2012; National Gallery of Iceland, Reykjavik, 2013; Listen to the Sirens / Space for Contemporary Art, Gibilterra, 2014; Banner Repeater, Londra, 2015, Archimuseo A. Accattino, Ivrea, 2017.

Andrea Cortellessa

Alberto Crespi

Collaborazioni

Matera 1953

Vincent Céraudo

Mike Davies

Mike Davies è un architetto inglese. È stato membro fondatore di Richard Rogers Partnership ed è senior partner della forma attuale dello studio, Rogers Stirk Harbour + Partners.

Collaborazioni

Black Drop
Ciné-roman

Nicolò Degiorgis

Collaborazioni

Hämatli & Patriæ

Luca Doninelli

Luca Doninelli è uno scrittore e giornalista italiano. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche tra cui “Il Sabato”, “Liberal”, “Tempi”, “Il Giornale”, “Vita” e “Avvenire”. Ha pubblicato diversi romanzi tra cui La revoca (Premio Selezione Campiello), La Mano e la raccolta di racconti Le decorose memorie (Supervincitore del Premio Grinzane Cavour).

Collaborazioni

Iran 1970

Viola Di Grado

Nathalie Du Pasquier

Nathalie Du Pasquier è nata a Bordeaux (Francia) nel 1957, vive a Milano dal 1979. Fino al 1986 ha lavorato come designer ed è stata membro fondatore di Memphis. Ha disegnato numerose “superfici decorate”: tessuti, tappeti, laminati plastici, alcuni mobili e oggetti. Dal 1987 la pittura è la sua attività principale.

Haris Epaminonda

Haris Epaminonda è nata a Nicosia, Cipro, vive e lavora a Berlino. Ha studiato a Londra alla Kingston University e al Royal College of Art. Il suo lavoro è stato esposto in diverse mostre personali, organizzate presso alcune delle più influenti istituzioni d’arte contemporanea come Museum of Modern Art, NY (2011); Schirn Kunsthalle, Frankfurt, Germania (2011); Tate Modern, Londra (2010); e Malmö Konsthall, Svezia (2009). Nel 2014 ha vinto il Premio Gunther Peill con VOL. XVIII. Il lavoro di Epaminonda è stato incluso in significative mostre collettive, come dOCUMENTA 13, Kassel (2012), 2ª Athens Biennale (2009), 5ª Berlin Biennale (2008), L’image Volée, a cura di Thomas Demand, Fondazione Prada, Milano (2016) e The ground beneath our feet, a proposito delle pratiche archeologiche nell’arte contemporanea cipriota, The British Museum, Londra (2016).

Fosbury Architecture

Fosbury Architecture è un collettivo di ricerca e progettazione architettonica fondato nel 2013, con sede a Milano, Rotterdam e Amburgo. È composto da Giacomo Ardesio, Alessandro Bonizzoni, Nicola Campri, Veronica Caprino e Claudia Mainardi. Il lavoro di F.A. è stato premiato in diversi concorsi internazionali, tra i quali Europan13, Leeuwarden; Museo Scienze Naturali, Torino; YAC, Bologna e Recycling Socialism, Tallinn Architecture Biennale. Il collettivo è stato il più giovane gruppo italiano selezionato a partecipare alla Biennale di Chicago 2017, Make New History.

Franco Farinelli

Franco Farinelli è direttore del dipartimento di Filosofia e Comunicazione dell’Università di Bologna e presidente dell’Associazione dei Geografi Italiani (Agei). Ha insegnato presso le Università di Ginevra, Los Angeles (UCLA), Berkeley, alla Sorbona e al Nordic Institute for Urban and Regional Planning di Stoccolma. Tra i suoi libri: Geografia (Einaudi, 2003) e Crisi della ragione cartografica (Einaudi, 2009).

Ettore Favini

Ettore Favini realizza opere site-specific, frutto di un processo di crescita che ne fa degli organismi vivi, mai conclusi: dispositivi di visione in cui l’opera partecipa alla vita e il fruitore ne diventa parte attiva. Vincitore del Premio Artegiovane delle Camere di Commercio di Milano e Torino (2005) e del Premio New York della Columbia University (2007), Favini ha vinto con Antonio Rovaldi il 48° Premio Suzzara (2013). In occasione di Expo Milano 2015 ha presentato all’interno del padiglione di Save The Children il progetto Sillage in collaborazione con Fondazione Ermanno Casoli e Elica. Ha esposto al Museo Villa Croce, Genova; MAN, Museo d’arte della provincia di Nuoro; Italian Academy della Columbia University, New York; ISCP, New York; Ocat, Shanghai; SongEun Art Space, Seoul; Centre for Contemporary Art Futura, Praga; Manifesta 9 Parallel events, Genk; Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino; Villa Panza, Varese; GAM, Galleria d’Arte Moderna, Milano; PAC, Milano; MAGA, Gallarate; Santa Maria Maggiore, Bergamo; CCC Strozzina, Firenze; Villa Medici, Accademia di Francia, Roma; Fondazione Pastificio Cerere, Roma; American Academy, Roma; Fondazione Olivetti, Roma; Museo Riso, Palermo. È docente nel Corso di Visual Arts di NABA, Nuova Accademia di Belle Arti di Milano.

Pubblicazioni

Arrivederci

Ramak Fazel

Ramak Fazel è un fotografo iraniano. Dopo la laurea in Ingegneria Meccanica alla Purdue University, Indiana, si specializza in fotografia presso il CalArts – California Institute of the Arts. Dal 1994 vive tra New York, Los Angeles e Milano dove lavora con le principali riviste di design e architettura come “Abitare” e “Domus”. Il suo lavoro è stato esposto, tra gli altri, alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino, al Canadian Center of Architecture, Montréal, alla Casa degli Atellani, Milano, al Fort Wayne Museum of Art, Indiana, allo Storefront for Art and Architecture, New York, alla 14ª Mostra Internazionale di Architettura Biennale di Venezia e alla Chicago Architecture Biennale. Fazel è visiting professor presso il San Francisco Art Institute.

Fulvio Ferrari

Fulvio Ferrari è curatore, assieme al figlio Napoleone, della Casa Museo Carlo Mollino a Torino.

Collaborazioni

Giappone 1970

Umberto Fiori

Hercule Florence

Hercule Florence, nato a Nizza nel 1804 da famiglia monegasca, emigrò in Brasile nel 1823 e nel 1824 prese parte come disegnatore alla spedizione Langsdorff nel Mato Grosso, commissionata dallo zar Alessandro I. Durante questa missione, piena di incertezze e pericoli, scoprì le sue abilità come scienziato e brillante inventore. Dopo la spedizione Langsdorff nel 1830, Florence si sistemò con la sua prima moglie Maria Angélica nella piccola città di São Carlos (oggi Campinas), dove cominciò a lavorare nel campo della produzione di caffè. Fino alla sua morte nel 1879, Florence ha scritto una serie di manoscritti scientifici e diari biografici nei quali analizzava e approfondiva la sua ricerca sui sistemi di stampa da lui inventati, come la poligrafia e la stessa fotografia, di cui oggigiorno è considerato il pioniere. Ha realizzato inoltre una serie di disegni che documentano le attività agricole a nord di San Paolo, lasciandoci un’importante eredità iconografica che mostra i sistemi utilizzati per le colture del caffè, connesse alla schiavitù e alla deforestazione.

Thomas Fouilleron

Thomas Fouilleron, Dottore di ricerca in Storia e ricercatore presso il Centre de la Méditerranée moderne et contemporaine (EA 1193 – Université de Nice Sophia Antipolis), è il direttore dell'archivio e della biblioteca del Palais Princier de Monaco.

Marco Franciolli

Marco Franciolli è direttore del Museo d’Arte della Svizzera italiana a Lugano. Membro di numerose fondazioni e archivi in Ticino, Svizzera e all’estero, dal 2012 è membro del Consiglio di Fondazione di Pro Helvetia.

Collaborazioni

Gerusalemme Fotografata

Hamish Fulton

Hamish Fulton è un walking artist inglese. Dal 1972 ha realizzato lavori basati sulle sue esperienze in cammino, che ha tradotto in vari media, tra cui la fotografia e l’illustrazione.

Linda Fregni Nagler

Linda Fregni Nagler è un’artista che lavora principalmente con la fotografia. Insegna Fotografia all’Accademia di Belle Arti di Brera e Arti Visive a NABA, Milano. Nel 2013 ha partecipato a Il Palazzo Enciclopedico, 55.a Biennale di Venezia. Fregni Nagler è autrice della monografia The Hidden Mother (MACK, 2013).

Lucy Gallun

Francesco Garutti

Francesco Garutti (1979, Milano), è curatore e editor d’arte contemporanea e d’architettura.

Collaborazioni

War Games

Riccardo Giacconi

Riccardo Giacconi ha studiato arti visive presso l’Università IUAV di Venezia, la UWE di Bristol e la New York University. Il suo lavoro è stato presentato in varie esposizioni, fra cui presso WUK Kunsthalle Exnergasse (Vienna), FRAC Champagne-Ardenne (Francia), tranzitdisplay (Praga), Peep-Hole (Milano), Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (Torino) e nella sezione “Résonance” de La Biennale de Lyon. Ha svolto diverse residenze per artisti, fra cui: Centre international d’art et du paysage (Vassivière, Francia), Lugar a Dudas (Cali, Colombia), La Box (Bourges, Francia), MACRO – Museo d’arte contemporanea di Roma. Ha presentato i suoi film in diversi festival, fra cui il New York Film Festival, l’International Film Festival Rotterdam, il Festival Internazionale del Film di Roma, il Torino Film Festival, il FID Marseille International Film Festival, dove ha vinto il Grand Prix della competizione internazionale nel 2015 e Filmmaker Festival di Milano (Primo Premio “Prospettive” 2015). Ha vinto il premio ArteVisione 2016, curato da Careof e Sky Arte. Nel 2007 ha co-fondato il collettivo Blauer Hase con cui cura la pubblicazione periodica Paesaggio e il festival Helicotrema.

Pubblicazioni

The Variational Status

Davide Giannella

Davide Giannella è curatore indipendente. La sua ricerca è incentrata sulle possibili relazioni tra il sistema dell’arte e i differenti ambiti dell’orizzonte culturale contemporaneo (cinema, architettura, design, cibo, musica) così come sulla traduzione e declinazione in contesti e piattaforme differenti di progetti e contenuti artistici. Ha lavorato per istituzioni pubbliche come la Triennale di Milano (Junkbuilding, 2008, collettiva), il Museo Marino Marini (Glaucocamaleo, 2014, Luca Trevisani con Alberto Salvadori), il PAC di Milano (GLITCH. Interferenze tra Arte e Cinema, 2014, collettiva), CRT Milano.

Paolo Gioli

Paolo Gioli (Sarzano di Rovigo, 1942) dagli anni Sessanta porta avanti una complessa ricerca attorno alla genesi delle immagini e al funzionamento dei processi visivi. Nel 1969 realizza il suo primo film, mentre in fotografia comincia a utilizzare la tecnica del foro stenopeico e successivamente del fotofinish e dell’emulsione Polaroid trasferita su diversi supporti. Dal 1974 a oggi ha partecipato alle principali rassegne di cinema sperimentale oltre che a importanti mostre internazionali come la Biennale di Venezia. Le sue opere sono presenti nelle collezioni dei più grandi musei europei e statunitensi, tra cui Centre Pompidou Parigi, Art Institute Chicago, MoMA New York, Minneapolis Institute of Art, Istituto Nazionale per la Grafica Roma, Museo di Fotografia Contemporanea Cinisello Balsamo (MI).

Pubblicazioni

Etruschi. Polaroid 1984

Amos Gitai

Collaborazioni

Free Zone 2006

Claudio Giunta

Claudio Giunta insegna Letteratura italiana all’Università di Trento. È stato visiting professor nelle università di Chicago, Tokyo (Todai), Sydney, Rabat. È stato fellow dell’American Academy di Roma, dello Harvard Center for Renaissance Studies di Firenze e del Warburg Institute di Londra. Tra i suoi libri: un reportage che parla di Italia, Giappone e altre cose (Il paese più stupido del mondo, Il Mulino, 2010); un saggio sul mercato dell’arte e la retorica connessa (Come si diventa ‘Michelangelo’, Donzelli 2011); un commento alle Rime di Dante (Meridiani Mondadori, 2011); una raccolta di saggi sull’Italia (Una sterminata domenica. Saggi sul paese che amo, Il Mulino, 2013), un libretto su Matteo Renzi (Essere #matteorenzi, Il Mulino, 2015), un romanzo noir (Mar Bianco, Mondadori, 2015), un manuale-antologia di letteratura per il triennio delle scuole superiori (Cuori intelligenti. Mille anni di letteratura, 4 volumi, Garzanti Scuola, 2016). Collabora regolarmente al supplemento culturale de “Il Sole 24 ore” e a “Internazionale”.

Lorena Giuranna

Lorenzo Giusti

Lorenzo Giusti, storico dell’arte e curatore, è direttore del Museo MAN di Nuoro, per il quale ha organizzato mostre retrospettive dedicate a figure di primo piano della storia dell’arte e della fotografia del XX secolo tra cui Alberto Giacometti, Maria Lai, Jean Arp, Marino Marini e Vivian Maier.

Edouard Glissant

Edouard Glissant è stato un scrittore, poeta e saggista originario della Martinica. È noto per essere stata una delle figure più influenti del pensiero e della cultura caraibica. Dopo gli studi in etnografia al Musée de l’Homme di Parigi elabora le sue teorie sull’identità antillese e sulla creolizzazione. È stato Distinguished Professor in Letteratura Francese presso la City University di New York.

Giorgio Gosetti

Giorgio Gosetti è un giornalista, critico cinematografico, organizzatore culturale e docente di organizzazione di eventi cinematografici e audiovisivi. Ha fondato e diretto festival e rassegne Antenna Cinema, Noir in Festival, Festa del Cinema di Roman, Giornate degli Autori - Venice Days alla Mostra del Cinema di Venezia. È stato vicedirettore della mostra del Cinema di Venezia dal 1991 al 1996. Ha scritto monografie su Marguerite Duras, Luigi Comencini, Alfred Hitchcock, Alla Dwann, il Film Noir, Cinema e Giornalismo.

Collaborazioni

Italia 1945/1948

Stefano Graziani

Stefano Graziani è un fotografo italiano e co-fondatore della rivista “San Rocco”. Nel 2013 ha curato il volume Jeff Wall, Gestus. Scritti sull’arte e la fotografia. Nel 2014 ha partecipato alla 14ª Mostra Internazionale di Architettura, a cura di Rem Koolhaas. È inoltre docente presso il Master di Fotografia dello IUAV di Venezia e NABA Nuova Accademia di Belle Arti di Milano.

Anouchka Grose

Collaborazioni

Frantic

Michele Guerra

Michele Guerra è professore associato di Teorie del cinema all’Università di Parma. Per il triennio 2015-2018 è coordinatore scientifico di un progetto SIR finanziato dal MIUR sulla critica italiana negli anni Quaranta e Cinquanta. Dirige la collana di studi cinematografici Pandora-Cinema (Diabasi) e fa parte del comitato direttivo della rivista “Fata Morgana”.

Paul Guian

Paul Guian ha studiato all’HEAD di Ginevra. Collabora con The Office of Design and Culture.

Emanuele Guidi

Emanuele Guidi vive e lavora tra Berlino e Bolzano, è curatore e direttore artistico di ar/ge kunst, Kunstverein di Bolzano dal 2013.

Collaborazioni

Negus The Variational Status

Agnes Heller

Collaborazioni

Hämatli & Patriæ

Hoyte van Hoytema

Otto Huber

Otto Huber è un collezionista di piante ed ecologista italiano conosciuto per il suo lavoro su botanica, fitogeografia e conservazione dei neotropici. Huber è autore di 120 pubblicazioni, tra le quali la maggior parte dei volumi di Flora of the Venezuelan Guavana.

Alexander von Humboldt

Alexander von Humboldt (1769-1859) è il primo viaggiatore dell’epoca moderna.

Carsten Höller

Invernomuto

Invernomuto è stato fondato nel 2003 da Simone Bertuzzi e Simone Trabucchi. Nonostante lavori principalmente con il suono e l’immagine in movimento, Invernomuto integra nella sua pratica anche scultura, pubblicazioni e performance. Nel 2014 ha ottenuto un finanziamento dal MiBAC per portare a termine il progetto Negus, il primo lungometraggio, presentato all’inizio del 2016. È vincitore del Museion Prize 1. Nel 2016 ha presentato il ciclo Calendoola, nell’ambito di una residenza a Gluck50, Milano. Nel 2015 ha girato un documentario sulla cultura dei Picò nel Nord della Colombia. Tra i solo show: Africa Addio, Pinksummer, Genova (2015), Anabasis Articulata, Triennale di Milano (2014), Negus – Far Eye, Museion, Bolzano (2014).

Pubblicazioni

Negus

Hilario Isola

Hilario Isola è un artista visivo che realizza soprattutto installazioni, disegni e sculture. Diplomatosi in Storia dell’Arte e Museologia, i suoi interessi vanno dalla storia dell’arte all’architettura, agli ambienti naturali. Le sue delicate installazioni, spesso sottili, rispondono direttamente al contesto e agli spazi espositivi, utilizzando diversi mezzi come sistemi viventi, oggetti, fotografie, disegni e musica. Trattando la mostra e il suo rituale come un oggetto di per sé, Hilario Isola ha lavorato per cambiare il paradigma di questo incontro, esplorando la possibilità di questa esperienza dinamica. Intervenendo sobriamente sulla natura, come per re-immaginarla in termini artificiali, Isola trova sempre nuovi modi per evidenziare la persistenza della vita biologica, armonizzando avvenimenti elementari con il suo impulso artistico. In ogni lavoro egli rivela le sue innate qualità scultoree dei materiali naturali, partendo dalla natura per mostrare i disegni profondi dello sviluppo e del tempo.

Pubblicazioni

Oh… My God!

Francesco Jodice

Francesco Jodice vive e lavora a Milano. La sua ricerca artistica indaga i mutamenti del paesaggio sociale contemporaneo con particolare attenzione ai fenomeni di antropologia urbana e alla produzione di nuovi processi di partecipazione. I suoi progetti mirano alla costruzione di un terreno comune tra arte e geopolitiche proponendo la pratica dell’arte come poetica civile. Insegna al Biennio di Arti Visive e Studi Curatoriali della NABA e alla Scuola Holden di Torino. È stato tra i fondatori dei collettivi Multiplicity e Zapruder. Ha partecipato a Documenta, Biennale di Venezia, Biennale di Sao Paulo, Triennale dell’ICP di New York e ha esposto al Castello di Rivoli, Tate Modern Londra, Prado Madrid. Tra i progetti principali l’atlante fotografico What We Want, l’archivio di pedinamenti urbani Secret Traces e la trilogia di film sulle nuove forme di urbanesimo Citytellers. I suoi lavori più recenti – Atlante, American Recordings e Sunset Boulevard – esplorano il futuro dell’Occidente.

Pubblicazioni

American Recordings

Julia

Julia è lo studio di design di Valerio Di Lucente, Erwan Lhuissier e Hugo Timm. Lo studio, con sede a Londra, Parigi e Roma, collabora con istituzioni culturali europee a progetti che vanno dal digital alla stampa, alla progettazione di ambienti e mostre. Julia si è occupato dell’art direction dell’ICA di Londra, e della rivista Elephant. Parallelamente all’attività dello studio, Julia ha tenuto lezioni in diverse università del Regno Unito e straniere, fra cui il Royal College of Art, CalArts e IUAV. Nel 2016 Julia si è aggiudicato la borsa di studio “Lina Bo Bardi” del British Council, con un progetto di ricerca incentrato sull’attività editoriale di Bo Bardi.

Pubblicazioni

Habitats

David Katz

Collaborazioni

Negus

Frans-Willem Korsten

Boris Kossoy

Boris Kossoy è fotografo, teorico e storico della fotografia, docente presso la Universidade de São Paulo (USP). A lui si deve la ricerca storica che prova l'invenzione della fotografia in Brasile, a opera di Hercule Florence, negli stessi anni in cui la fotografia veniva scoperta in Europa. Kossoy è l'autore di Hercule Florence: A descoberta isolada da fotografia no Brasil (1977) e di Dicionário Histórico-Fotográfico Brasileiro (2002).

Reed Kram

Pablo Larios

Pablo Larios ha studiato Letterature Comparate e attualmente vive a Berlino, dove lavora come scrittore critico d’arte freelance. Il suo lavoro è stato pubblicato su varie riviste tra cui "Frieze", "Sleek" e "Kaleidoscope".

Vincenzo Latronico

Vincenzo Latronico è uno scrittore italiano. Ha pubblicato due romanzi, Ginnastica e rivoluzione (2008) e La cospirazione delle colombe (2010), entrambi editi da Bompiani. Ha tradotto, tra le altre cose, opere di Hanif Kureishi, F.S. Fitzgerald e Max Beerbohm; collabora con “La Lettura” del “Corriere della Sera”, “Rolling Stone”, “Domus”, “Internazionale” e “Il Sole 24 Ore”. Nel 2012 con La cospirazione delle colombe ha vinto il Premio Bergamo e il Premio Napoli.

Alberto Lattuada

Alberto Lattuada (1914 – 2005) è stato un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano; un intellettuale dalla personalità eclettica, appassionato di letteratura, arte e fotografia. Durante la sua lunga carriera ha scoperto molte attrici tra cui Marina Berti, Carla Del Poggio, Jacqueline Sassard, Catherine Spaak, Clio Goldsmith. Dal dopoguerra si dedica interamente al cinema, come aiutoregista di Mario Soldati per Piccolo mondo antico e come sceneggiatore. Tra i suoi film, per lo più tratti da opere letterarie, ci sono Il mulino del Po, tratto dal romanzo di Riccardo Bacchelli, La Lupa, dalla novella di Giovanni Verga, Il cappotto, dal racconto di Gogol, che lo svincola definitivamente dal neorealismo, mentre i suoi kolossal, La tempesta e La steppa, sono tratti dagli autori prediletti, i russi Puskin e Cechov. Nel 1998 Lattuada lascia tutto il suo materiale d’archivio alla Fondazione Cineteca Italiana di Milano, di cui, molti anni prima, ha posto le basi insieme a Luigi Comencini e Mario Ferrari, salvando dal macero tante vecchie pellicole.

Pubblicazioni

Matera 1953

D.H. Lawrence

Collaborazioni

Etruschi. Polaroid 1984

Wolfgang Lehrner

Corrado Levi

Corrado Levi si è laureato con Carlo Mollino ed è stato assistente universitario di Franco Albini. Architetto, artista e scrittore, vive e lavora tra Milano e Marrakech. Ha insegnato per molti anni al Politecnico di Milano ed espone regolarmente i propri lavori in Italia e all’estero, in particolare a New York.

Collaborazioni

Giappone 1970

Armin Linke

Armin Linke vive e lavora tra Milano e Berlino. La sua pratica lavorativa tra fotografia e video combina una gamma di tecnologie all’avanguardia nell’elaborazione di immagini con l’obiettivo di confondere la distinzione tra finzione e realtà. Le sue opere sono state esposte nei principali musei del mondo, tra cui il MAXXI e il Centre Pompidou e il PAC di Milano, oltre ad aver partecipato alla 15ª Biennale di Architettura di Venezia (2016).

Federico Lodoli

Federico Lodoli vive e lavora a Parigi. È ricercatore in filosofia presso l’Ecole des hautes études en sciences sociales. Dal 2006 realizza documentari e reportage per la RAI. Nel 2012 ha pubblicato per la casa editrice Ombre Corte il saggio filosofico Spinoza e Nietzsche. Della potenza e le sue determinazioni. Nel 2015 insieme a Carlo Gabriele Tribbioli realizza il documentario Frammento 53.

Michele Lombardelli

Michele Lombardelli (Cremona, 1968) è artista visivo, musicista, editore. I suoi libri d’artista sono stati esposti alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, alla Casa del Mantegna di Mantova, al Musée Cantonal Des Beaux Arts di Losanna, al Museo MA*GA di Gallarate, alla Triennale di Milano. Con il poeta Paul Vangelisti, dirige la collana Magra Books dedicata alla poesia californiana.

Francesco Longo

Francesco Longo è giornalista e autore del libro Il mare di pietra. Eolie o i 7 luoghi dello spirito (2009) e di Avatar (2008). Collabora con “La lettura del Corriere della Sera” e “Europa”.

Pubblicazioni

Epistolae Variae

Claudia Losi

Claudia Losi studia all’Accademia di Belle Arti di Bologna e si laurea in Letteratura e Lingue straniere all’Università di Bologna. Tra le numerose esposizioni in Italia e all’estero: W.Women in Italian Design, Triennale Design Museum, Milano (2016); Concha de Amor, Livorno In Contemporanea; I can reach you, from one to many, Tenuta dello Scompiglio, Vorno-Lucca (2015); Women for life. Regina José Galindo-Claudia Losi, La Maréchalerie-centre d’art contemporain de l’énsa V, Versailles e Studio Orta Les Moulins, Boissy-le-Châtel; Autoritratti. Iscrizioni del femminile nell’arte italiana contemporanea, MAMbo, Bologna (2013); MAXXI, Roma (Una volta, all’improvviso…, 2012 e Spazio, 2010); Les Funérailles de la Baleine, installazione e performance con Vinicio Capossela, Viafarini-DOCVA, Milano (2011); SI Sindrome italiana, MAGASIN, Grenoble; Aware: Art Fashion Identify, Royal Academy of Arts, Londra (2010); Balena Project, IKON Gallery, Birmingham; Patterns of Identity, Stenersen Museum, Oslo; La Coda della Balena 1995-2008, Museo Marino Marini, Firenze (2008). Natura e scienza sono le sue fonti di ispirazione, così come la storia e l’antropologia. La sua ricerca si focalizza sulle esperienze di conoscenza, come le relazioni tra umano e natura, viaggio ed esplorazione. Losi esplora il concetto di racconto attraverso l’arte e la scrittura, impiegando il suo lavoro per collegare e favorire la nascita di nuove relazioni nelle comunità umane.

Earl Lovelace

Earl Lovelace è un pluripremiato scrittore, giornalista e drammaturgo trinidadiano. È noto soprattutto per il suo racconto descrittivo e drammatico della cultura appartenente al popolo di Trinidad e Tobago.

Yervant Gianikian, Angela Ricci Lucchi

Yervant Gianikian (Merano, 1942) e Angela Ricci Lucchi (Lugo di Romagna, 1942). Dal 1975 la loro ricerca coniuga il filmmaking sperimentale con la teoria dell’archivio. Dopo gli iniziali “film profumati”, il loro interesse si focalizza sul found-footage relativo alle vicende più drammatiche della storia recente. Attraverso la “camera analitica” questi materiali vengono ri-filmati, colorati, rallentati fino a costituire opere filmiche che danno allo spettatore un nuovo accesso alle immagini del passato. Hanno presentato le loro opere in numerosi festival internazionali ed esposto nei musei tra cui MoMA, New York; Jeu de Paume, Parigi; Tate Modern, Londra; Hangar Bicocca, Milano. Hanno partecipato alla Biennale di Venezia (49., a cura di Harald Szeemann; 55., a cura di Massimiliano Gioni; 56., Padiglione Armeno, Leone d’Oro). Nel 2017 partecipano a dOCUMENTA 14 Kassel/Atene.

Carlo Maiolini

Carlo Maiolini è un artista, pittore e designer francese.

Mans Mansson

Antoine Marchand

Collaborazioni

The Variational Status

Michele Mari

Michele Mari (Milano, 1955). Tra i suoi libri, Di bestia in bestia (Longanesi, 1989); Io venìa pien d’angoscia a rimirarti (Longanesi, 1990 e Marsilio, 1998); Euridice aveva un cane (Bompiani, 1993 ed «Einaudi Tascabili», 2004); Filologia dell’anfibio (Bompiani, 1995); Tu, sanguinosa infanzia (Mondadori, 1997); Rondini sul filo (Mondadori, 1999); Tutto il ferro della torre Eiffel (Einaudi, 2002); I demoni e la pasta sfoglia (2004), Cento poesie d’amore a Ladyhawke (Einaudi, 2007), Verderame (Einaudi, 2007), Milano fantasma (2008, in collaborazione con Velasco Vitali), Rosso Floyd (Einaudi, 2010), Fantasmagonia (Einaudi, 2012), Roderick Duddle (Einaudi, 2014). Ha tradotto L’isola del tesoro di Robert Louis Stevenson e Ritorno all’isola del tesoro di Andrew Motion. Tra i premi vinti il Selezione Campiello e il Bagutta.

Pubblicazioni

Sogni Dreams

Susana Moreira Marques

Antonio Marras

Antonio Marras è uno stilista italiano. È stato direttore artistico del marchio della maison francese Kenzo.

Collaborazioni

Arrivederci

Chus Martinez

Chus Martinez è curatrice e storica dell’arte. Attualmente è a capo dell’Institute of Art di FHNW Academy of Arts and Design (Basilea, Svizzera). È stata capo di dipartimento per dOCUMENTA (13). Nel 2005 ha curato il Padiglione Cipriota alla 51ª Esposizione Internazionale d’Arte, Biennale di Venezia.

Collaborazioni

Follow Me – Genova

Rä di Martino

Gloria Maso

Gloria Maso è un’artista franco-americana. Dopo aver frequentato l’Accademia di Belle Arti di Bordeaux e l’HEAD di Ginevra, sta completando i suoi studi al Cergy. La sua ricerca si svolge tra scrittura e letture pubbliche.

Gabriele Mastrigli

Gabriele Mastrigli è architetto e docente di Teoria e Progettazione architettonica presso l’Università di Camerino – Scuola di Architettura e Design di Ascoli Piceno. Ha insegnato e tenuto seminari presso la Cornell University e il Berlage Institute. Collaborato con “il manifesto” e con molte riviste tra cui “Domus”, “Log” e “Lotus International”. Ha curato la raccolta di saggi di Rem Koolhaas, Junkspace. Per un ripensamento radicale dello spazio urbano (2006). Ha inoltre curato l’edizione ragionata degli scritti e dei disegni di Superstudio (Superstudio – Opere 1966-1978), oltre ad aver curato la mostra retrospettiva Superstudio 50 (Museo Maxxi, Roma 2016).

Pubblicazioni

ROOM(S)

Massimo Melotti

Massimo Melotti è critico d’arte e sociologo; dagli anni Ottanta la sua ricerca verte sui processi creativi e sul rapporto tra arte, nuovi media e società. Dal 1990 è Consulente di Direzione del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea. Tra le ultime mostre curate ricordiamo Michelangelo Pistoletto Opere, Cittadellarte (Biella) e Francesco Jodice – American Recordings (Castello di Rivoli). Tra le sue pubblicazioni più recenti L’età della finzione, arte e società tra realtà e estasi, con una prefazione di Marc Augé e Pistoletto Opere.

Collaborazioni

American Recordings

Matteo Meschiari

Matteo Meschiari è un antropologo e scrittore italiano. Dal 2015 è professore associato all’Università di Palermo dove insegna Geografia e Antropologia della comunicazione.

Pierre Michelon

Pierre Michelon è un artista francese che lavora tra Lione e Nantes. Come un attento esploratore Michelon si addentra nei territori dimenticati dalla società, concentrandosi sulla ricerca storica e in particolare sulla storia coloniale attraverso differenti media: scritti, film, installazioni e performance. Nel 2015 ha presentato la sua ricerca a Torino presso Fondazione Sandretto Re Rebaudengo con la mostra Parole e Angurie.

Bernard Millet

Bernard Millet è un conservatore del patrimonio presso il Museo di Marsiglia. Ha organizzato numerose esposizioni al Centre de la Vieille Charité e al Museo Cantini di Marsiglia. Nel 2000 ha fondato con Hubert Nyssen, Thierry Fabre, Bruno Etienne, Jean Claude Izzo e Emile Temime la rivista “La Pensée de midi”.

Collaborazioni

Marocco 1971

Filippo Minelli

Filippo Minelli (Brescia, 1983) è un artista contemporaneo che lavora a livello internazionale analizzando il paesaggio, la politica e la comunicazione. Nel 2011 Minelli inizia un'indagine metodicamente sulla sua terra d'origine, avviando un processo performativo e partecipativo chiamato "Padania Classics", confluito nel 2015 nel volume "Atlante dei Classici Padani".

Carlo Mollino

Carlo Mollino è stato un poliedrico architetto, designer, fotografo e sciatore italiano; laureato nel 1931 presso la Regia Scuola Superiore di Architettura dell’Accademia Albertina di Torino, in seguito divenuta facoltà di Architettura del Politecnico di Torino. Nel 1948 pubblica i volumi Architettura, arte e tecnica; nel 1953 vince il concorso a professore ordinario e ottiene la cattedra di Composizione architettonica, che conserva fino alla morte. Tra i suoi capolavori architettonici ci sono la sede dell’Associazione Equestre di Torino (1937), l’Auditorium della Rai in via Rossini (1952) e il Teatro Regio di Torino (1965). Carlo Mollino è una delle figure più significative del Novecento italiano, che ha lasciato il segno per la sua inconfondibile raffinatezza ed eleganza. Nel 1949 pubblica Il Messaggio dalla Camera Oscura, mentre intorno al 1960, inizia nella sua Torino a selezionare le modelle, per lo più ballerine, invitandole nella propria villa per le sessioni fotografiche. Fatta eccezione per una esigua quantità, quelle 1200 polaroid rimangono un segreto fino a dopo la sua morte.

Pubblicazioni

Giappone 1970

Antonio Monda

Antonio Monda è uno scrittore e docente italiano. Insegna presso il Film and Television Department della New York University e collabora con varie testate giornalistiche tra cui “La Repubblica”, “Vogue” e "RAI News 24".

Collaborazioni

Italia 1945/1948

Jonathan Monk

Jonathan Monk è un artista inglese. Laureato al Leicester Polytechnic (1989) e specializzato alla Glasgow School of Art (1991). Tra le sue personali: Kunsthaus Baselland, Muttenz, Svizzera (2016); MACRO, Roma, Italia (2015); IMMA – Irish Museum of Modern Art, Dublino, Irlanda (2014); CAC – Centro De Arte Contemporáneo Málaga, Spagna (2013); Kunstraum Dornbirn, Austria (2013); Palais de Tokyo e Musee d’Art Moderne, Parigi, Francia (2008); Kunstverein Hannover, Hannover, Germania (2006); Institute of Contemporary Art, Londra, UK (2005) e Museum Kunstpalast, Düsseldorf, Germania (2003). Il suo lavoro è stato incluso in molte collettive, tra cui Whitney Biennial (2006), 50ª e 53ª Biennale di Venezia (2003, 2009), 2ª Berlin Biennale (2001), 6ª Taipei Biennial (2000). Nel 2012 ha vinto il Prix du Quartier Des Bains, Ginevra.

Andrea Morbio

Collaborazioni

The Variational Status

Ugo Mulas

Ugo Mulas (1928-1973) è considerato il più importante fotografo italiano del dopoguerra. Dopo le prime prove nella Milano ‘mitica’ del bar Jamaica, diviene uno dei più importante fotoreporter italiani, nonché un innovatore della fotografia ‘industriale’. La sua fama è però legata alla collaborazione con le avanguardie artistiche degli anni Sessanta e Settanta di cui diviene un fiancheggiatore e un interprete. Le ‘verifiche’ degli ultimi anni, una personale rilettura della storia della fotografia, chiudono una breve e operosissima vita.

Pubblicazioni

Danimarca 1961

Paola Nicolin

Paola Nicolin è storica dell’arte contemporanea e curatrice. Insegna storia dell’arte moderna e contemporanea presso l’Università Bocconi di Milano. Scrive per “Artforum”, è stata art editor di “Abitare” (2006/2011) ed è autrice di numerose pubblicazioni, tra cui She. La figura femminile nel lavoro di Adrian Paci (Johan&Levi, 2014); Alberto Garutti. Didascalia (Mousse/Koenig, 2012, a cura di, con Hans Ulrich Obrist); Castelli di Carte. La XIV Triennale di Milano (2011, Quodlibet); Being Cattelan (Abitare-RSC, 2011); Palais de Tokyo. Sito di creazione contemporanea (Postmediabooks, 2006).

Collaborazioni

Follow Me – Genova

Luigi Ontani

Luigi Ontani è pittore e scultore, lavora da decenni sui temi del mito, della maschera e del simbolo in forme diverse. Uno degli aspetti più leggendari – e meno documentati – della sua attività è il lavoro che svolge a Bali, dove risiede per alcuni mesi all’anno. Esponente della body art, a partire dagli anni Settanta ha intrapreso un’impegnata ricerca artistica, sperimentando le più svariate tecniche (fotografia, pittura, scultura su diversi materiali) e usando il proprio corpo per indagare l’ambiguità e la complessità della natura umana. Tra le opere, la celebre serie dei cosiddetti tableaux vivants, in cui si presentava nel doppio ruolo di autore e modello. La sua opera è stata presentata in importanti rassegne nazionali e internazionali e in numerose personali: Galleria d’arte moderna, Bologna (1990); Francoforte, Frankfurter Kunstverein (1996); Acquario Romano , Roma (2000); PS1 Contemporary Art Center, New York (2001); Museo internazionale delle ceramiche Faenza (2006); Galleria Lorcan O’Neill, Roma (2007-08); Museo di Capodimonte, Napoli (2010); Kunsthalle, Berna (2012); Museo Hendrik Christian Andersen, Roma (2014); Ontani ha inoltre partecipato a diverse edizioni della Biennale di Venezia (1978, 1986 e 1995).

Collaborazioni

Ontani a Bali Ontani in Bali

Leoluca Orlando

Leoluca Orlando è un politico e avvocato italiano, sindaco di Palermo dal 2012.

Paolo Ossola

Paolo Ossola è un neuroscienziato e psichiatra specializzato in Anedonia e cognizione nei disturbi psichiatrici.

Graziano Papa

Graziano Papa è stato presidente di Pro Natura Ticino (ex Lega Svizzera per la Protezione della natura) dal 1970 al 2001 e amico di Schick.

Leonardo Passarelli

Leonardo Passarelli è uno storico dell’arte e giornalista italiano. Ha insegnato Teoria e tecniche della comunicazione visiva presso il Master in comunicazione dell’Università del Sacro Cuore; nello stesso periodo, ha tenuto a contratto il corso di Storia dell’arte contemporanea all’Università della Calabria di Cosenza.

Collaborazioni

Orizzonte in Italia

Federico Patellani

Federico Patellani (1911 – 1977) è stato un fotografo italiano. Puntuale testimone della realtà italiana grazie a servizi come Italia Magica, ha realizzato molti reportage di guerra, tra cui la serie memorabile d’immagini di Milano bombardata nel 1943 e gli scatti russi sul fronte orientale. Dal 1939 comincia quella che sarà una lunga collaborazione con “Tempo”, il settimanale di Alberto Mondadori, creando i ‘fototesti’: ampi servizi fotografici corredati da lunghe didascalie scritte dallo stesso Patellani. Il suo legame con il cinema comincia con la produzione del film Piccolo mondo antico di Mario Soldati, e continua nel 1953 come assistente alla regia di Alberto Lattuada per La Lupa. Dalle antiche università europee agli Stati africani di recente indipendenza, dal Sud America alle isole dei Mari del Sud, Patellani ha fatto più volte il giro del mondo per i suoi servizi di impronta nettamente giornalistica, che concedono pochissimo al folklore, pubblicati su “Epoca”, “La Domenica del Corriere”, “Successo”, “Storia Illustrata”, “Atlante”, “Tempo” e numerose riviste internazionali.

Pubblicazioni

Matera 1953

Matteo Pavesi

Matteo Pavesi è il direttore generale della Fondazione Cineteca Italiana con cui ha iniziato a collaborare nel 1994 occupandosi del Museo del Cinema. Dal 1999 gestisce la sala proiezioni di Spazio Oberdan. Ha partecipato alla stesura del volume Un secolo di cinema a Milano (1996).

Collaborazioni

Italia 1945/1948 Matera 1953

Diego Perrone

Diego Perrone vive e lavora a Milano. Mostre personali: Galleria Massimo De Carlo, Londra, UK (2014), Museion, Bolzano, Italia (2013), Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino, Italia (2005). Mostre collettive: Triennale di Milano, Milano, Italia (2015), Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Torino, Italia (2014), 53ª Esposizione Internazionale d’arte La Biennale di Venezia, Venezia, Italia (2013), Museum of Contemporary Art, Chicago, USA (2009-2010), Kunstalle zu Kiel, Kiel, Germania (2009), Palazzo Grassi, Venezia, Italia (2008) Malmö Art Museum, Malmö, Svezia (2008), Whitechapel Gallery, Londra, UK (2008), New Museum, New York, USA (2008), Solomon R. Guggenheim Museum, New York, USA (2007), Museo Cantonale d’Arte, Lugano, Svizzera (2006), Centre Georges Pompidou, Parigi, Francia (2004), 50ª Esposizione Internazionale d’arte La Biennale di Venezia, Venezia, Italia (2003), 4˚ Biennale di Berlino, Berlino, Germania (2006), 1˚ Biennale di Mosca, Mosca, Russia (2005), 11˚ Triennale India, Lalit Kala Akademi, New Delhi, India (2005), Manifesta 3, Lubiana, Slovenia (2000).

Pubblicazioni

War Games

Gianni Pettena

Architetto, artista e critico, professore di Storia dell’Architettura Contemporanea all’Università di Firenze e di Progettazione alla California State University, Gianni Pettena appartiene al nucleo originario – insieme a Archizoom, Superstudio e UFO – dell’architettura radicale italiana. Pur non rinnegando la propria formazione di architetto, era convinto della necessità di ripensare il significato della disciplina, come d’altra parte gli altri ‘radicali’, usando i linguaggi della ricerca ‘spaziale’ della conceptual art e della land art americana, anziché quelli tradizionali della progettazione architettonica. Questa tendenza emerge dalla pubblicazione L’anarchitetto e dalla performance-dichiarazione Io sono la spia. Come critico e storico dell’architettura ha riproposto le tematiche del ‘radicale’ nella mostra Radicals. Architettura e Design 1960-1975 alla Mostra Internazionale di Architettura di Venezia nel 1996 e nelle mostre Archipelago (1999) e Radical Design (2004). Ha scritto di funk architecture, del ‘radicale’, della ricerca ‘spaziale’ dell’arte, di design e di architettura.

Isabella Pezzini

Isabella Pezzini è docente di Semiotica presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università La Sapienza di Roma.

Susan Philipsz

Susan Philipsz, vincitrice nel 2010 del prestigioso Turner Prize, ha partecipato nel 2007 allo Skulptur Projekte Muenster, nel 2012 a documenta13, Kassel e nel 2015 alla 14ª Biennale di Istanbul. L’artista si è distinta nel panorama internazionale per la precisione con la quale ha concepito ogni singola opera, unica nel suo genere e preceduta da un’accurata analisi della storia del luogo, della sua memoria e delle sue tradizioni tradotte in architetture immateriali, che avvolgono lo spettatore in un ambiente introspettivo. Una narrativa universale, elaborata attraverso la riproduzione di melodie che alludono al tema della perdita, del ritorno e della speranza si salda così al genius loci, costruendo uno story-telling individuale.

Pubblicazioni

Follow Me – Genova

Tommaso Pincio

Tommaso Pincio è uno scrittore italiano. Nel 2015 ha vinto il primo premio degli editori indipendenti SINBAD con il libro Panorama.

Pubblicazioni

Epistolae Variae

Joanna Piotrowska

Joanna Piotrowska è un’artista visiva che vive e lavora a Londra. Alcune tra le sue mostre passate e prossime includono: Being: New Photography 2018, MoMA, New York, USA (Marzo 2018); LASALLE, Singapore (Novembre 2017); GAUDIOPOLIS, Off-Biennale, Budapest, Hungary (Settembre 2017); Art Basel, con Galleria Dawid Radziszewski, Basilea, Svizzera (Giugno 2017); These Rotten Words, Chapter Arts Centre Gallery, Cardiff, UK (Marzo – Giugno 2017); Room, Sadie Coles, Londra, UK e Mead Gallery, Warwick Arts Centre, Coventry, UK (Maggio – Giugno 2017); Give Me Yesterday, Fondazione Prada, Milano, Italia (Dicembre 2016 – Aprile 2017); Frantic, Galleria Madragoa, Lisbona, Portogallo (Settembre 2016); Hester, Southard Reid, Londra, UK (Febbraio 2015); Jerwood/Photoworks Awards Exhibition, Jerwood Space, Londra, UK (Novembre – Dicembre 2015); s.w.a.l.k, Project Space, Northern Gallery for Contemporary Art, Sunderland, UK (Settembre – Gennaio 2015); What’s love has to do with it, Project Space, Hayward Gallery, London, UK (Luglio – Settembre 2014); Bloomberg New Contemporaries, Institute of Contemporary Arts, Londra, UK e Spike Island, Bristol, UK (Settembre – Novembre 2013); Family Politics, Jerwood Space, Londra, UK (Novembre – Dicembre 2013). Ha pubblicato Frowst (Mack, 2014).

Pubblicazioni

Frantic

Fabio Pupin

Fabio Pupin è un naturalista e fotografo italiano. Collabora con MUSE, Museo delle Scienze di Trento, presso la Sezione di Biodiversità Tropicale, dove sviluppa una ricerca erpetologica in Africa orientale.

Fabio Pusterla

Fabio Pusterla è un poeta, traduttore e critico letterario svizzero di lingua italiana.

Letizia Ragaglia

Collaborazioni

Hämatli & Patriæ

Cristiano Raimondi

Cristiano Raimondi è responsabile per lo sviluppo e i progetti internazionali presso il Nouveau Musée National de Monaco, curatore della mostra “Hercule Florence. Le Nouveau Robinson”.

Iolanda Ratti

Iolanda Ratti si laurea in Storia dell’Arte nel 2003 presso l’Università degli Studi di Milano, anno in cui inizia a collaborare con il Comune di Milano e in particolare con il Museo del Novecento, di cui seguirà tutte le fasi fino all’apertura nel 2010. La sua ricerca si rivolge soprattutto alle tecniche dell’arte contemporanea e alle questioni pratiche e teoriche legate alla sua conservazione, con particolare riferimento alle installazioni video e alle pratiche immateriali. Dal 2013 è conservatrice free-lance presso HangarBicocca, Milano e dal 2009 collabora con Iccrom al progetto SOIMA (Safeguarding Sound and Image Collections).

Nuvola Ravera

Nuvola Ravera è un’artista italiana. Dopo il diploma in pittura presso l’Accademia di belle arti di Genova ha esplorato diversi tipi di linguaggio tra cui la fotografia al cfp Bauer a Milano e il video all’Accademia di Brera e alla Hochschule für Grafik und Buchkunst di Lipsia. La ricerca dell’artista ha inizio dall’osservazione dell’infanzia e dell’adolescenza, in un percorso che si lega con la propria biografia e i sistemi simbolici cui fa riferimento.

Antonio Ricci

Antonio Ricci è un regista e autore televisivo, ideatore nel 1988 del telegiornale satirico "Striscia la Notizia".

Gianluigi Ricuperati

Gianluigi Ricuperati è uno scrittore, saggista e curatore italiano. Collabora con “La Repubblica”, “La Stampa”, “Abitare”, “Domus”, “GQ”, “Rivista Studio” e “il Domenicale de Il Sole 24 Ore”. Nel 2011 esce il suo romanzo d’esordio Il mio impero è nell’aria, nel 2017 pubblica La scomparsa di me. È inoltre direttore creativo di Domus Academy a Milano.

Collaborazioni

USA 1972

Marco Rinaldi

Marco Rinaldi è uno scrittore italiano. Ha frequentato la Scuola di scrittura Omero a Roma ed è autore di Non voglio bene a nessuno (Alter Ego Edizioni, 2016).

Manfredo di Robilant

Collaborazioni

Oh… My God!

Iris Rochet-Lanchet

Iris Rochet-Lanchet è una giovane artista francese che ha studiato presso l’Ecole Nationale Supérieure des Beaux-arts di Lione.

Antonio Rovaldi

Antonio Rovaldi è un artista italiano la cui ricerca si muove intorno a tematiche relative alla percezione dei luoghi e del paesaggio, mettendo sempre in relazione i differenti media utilizzati, come la fotografia, il video e la scultura. Dal 2006 Rovaldi divide la sua città di adozione, Milano, con New York dove ha partecipato a diverse residenze d’artista e a mostre. Nel 2016 ha partecipato a Fotografia Europea, Reggio Emilia, con il progetto Mo’dinna Mo’dinna, (I wanna go back home) e a Give Me Yesterday, Osservatorio Prada, Milano. Tra le sue personali più recenti si segnalano quella all’Hirshhorn Museum di Washington DC, alla galleria The Goma a Madrid e, da febbraio, al Museo MAN di Nuoro.

Alberto Saibene

Alberto Saibene è il regista di La ragazza Carla (2015), un mediometraggio presentato al Milano Film Festival nel 2015. Lavora come consulente presso la casa editrice Hoepli di Milano, è autore di oltre una quindicina di documentari televisivi di divulgazione culturale. È stato autore radiofonico per Radio Tre e collaboratore di varie testate come “Doppiozero” e “Lo Straniero”. Negli ultimi anni si è occupato della storia della Olivetti attraverso mostre, trasmissioni radiofoniche e la curatela di L’Italia di Adriano Olivetti, raccolta di scritti di Adriano Olivetti per le Edizioni di Comunità.

Alberto Salvadori

Alberto Salvadori dal 2009 è il direttore artistico del Museo Marino Marini di Firenze. Nel 2016 ha curato il progetto Decades per Miart, la fiera d’arte moderna e contemporanea di Milano.

Graziano Savà

Graziano Savà è un linguista italiano specializzato negli idiomi più rari e in via d’estinzione d’Etiopia. Savà documenta e descrive le lingue sulla base dei dati raccolti sul campo di lavoro.

Ernesto Schick

Ernesto Schick è stato spedizioniere della stazione di Chiasso, appassionato di botanica e disegnatore nel tempo libero, conosciuto per aver studiato la flora ferroviaria presente sul sedime della stazione.

Nicola Schoenenberger

Nicola Schoenenberger lavora al Museo Cantonale di Storia Naturale come botanico.

Mario Sesti

Mario Sesti è un regista, giornalista e critico cinematografico italiano. È uno degli organizzatori del primo festival del cinema di Roma (2006), in qualità di coordinatore del comitato scientifico e responsabile della sezione Il lavoro dell’attore. Tra i suoi lavori principali si ricordano il film L'ultima sequenza sul finale alternativo del film 8½ di Federico Fellini e i suoi saggi cinematografici su Pietro Germi, Nanni Moretti, Mimmo Calopresti e Jane Campion.

Collaborazioni

Italia 1945/1948

Salvatore Settis

Salvatore Settis è un archeologo e storico dell'arte italiano. È stato direttore del Getty Research Institute di Los Angeles e della Scuola Normale Superiore di Pisa, ed è tuttora presidente del Consiglio Scientifico del Louvre. Settis è autore di svariati libri sull'archeologia, il patrimonio e il paesaggio in Italia, come "Architettura e democrazia. Paesaggio, città, diritti civili" (Einaudi, 2017).

Roman Signer

Roman Signer è un artista noto per avere definito un nuovo concetto di scultura legato al processo, la trasformazione e il movimento. Signer crea installazioni basate sull’azione, esperimenti condotti perlopiù da solo, in cui utilizza oggetti di uso comune attivati da polvere da sparo o forze naturali, come vento e acqua, per produrre esplosioni e collisioni visivamente ed emotivamente coinvolgenti, che interpretano l’approccio empirico come una questione artistica. Ha partecipato a prestigiose mostre internazionali quali documenta8 a Kassel, lo Skulptur Projekte di Münster, la Biennale di Shanghai. Nel 1999 ha rappresentato la Svizzera alla 48ª Esposizione Internazionale d'Arte Biennale di Venezia. Mostre personali recenti si sono tenute presso Bonnefantenmuseum (Maastricht), Camden Arts Centre (Londra), OK Centrum für Gegenwartskunst (Linz), Aargauer Kunsthaus (Aarau), Hamburger Bahnhof (Berlino), Swiss Institute (New York), Sala de Arte Publico Siqueiros (Città del Messico), Hangar à Bananes (Nantes), Kunsthalle di Mainz, Kunstmuseum (St. Gallen), Barbican Centre (Londra), Kunsthaus Zug e Centro Culturale Svizzero di Parigi.

Barbara Signer

Collaborazioni

A Step Towards The Sea

Giovanna Silva

Giovanna Silva è una fotografa italiana. Ha conseguito una laurea in Architettura presso il Politecnico di Milano. Ha sempre utilizzato la fotografia per scopi editoriali, prima per riviste e poi per pubblicazioni, fino a quando ha fondato la sua casa editrice, Humboldt Books, così da poter lavorare con altri fotografi in qualità di editore. Per lei la fotografia è uno strumento funzionale alla narrazione, per raccontare delle storie, preferibilmente accompagnate da testi. Ha fondato la rivista San Rocco e fa parte dei collettivi Desertmed e 900 km Nile City. Insegna fotografia alla NABA, Milano e al Master in Fotografia, IUAV di Venezia. Ha pubblicato diversi libri con case editrici italiane e straniere, tra cui Mousse Publishing e Bedford Press. Il suo lavoro è stato presentato in numerose mostre internazionali come la Biennale d’Architettura di Venezia, Villa Romana a Firenze, NGBK a Berlino, il MACRO a Roma, Louisiana Museum a Copenhagen e le Biennali di Istanbul e Thessaloniki.

Michele Smargiassi

Michele Smargiassi è un giornalista italiano. Laureato in storia contemporanea all’Università di Bologna con una tesi in Storia della fotografia, entra nel 1982 a “L’Unità”, per passare nel 1989 a “La Repubblica”, dove cura anche il blog “Fotocrazia”.

Collaborazioni

Marocco 1971

Alessandra Spranzi

Alessandra Spranzi vive a Milano, dove dal 2009 insegna fotografia all’Accademia di Belle Arti di Brera. Tra le sue mostre: Sortilegio, Centre Photographique d’Ile-de-France, Pontault-Combault (2015); Maraviglia, P420, Bologna (2014); Opere e Progetti del Museo di Fotografia Contemporanea, Triennale di Milano (2014); Così accade, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino (2014); Arcade Gallery, Londra (2014); Highlights, Studio Dabbeni, Lugano (2014); Galleria Martano, Torino (2013); Lumpenfotografie, P420, Bologna (2013); Autoritratti. Iscrizioni al femminile nell’arte italiana contemporanea, MAMbo, Bologna (2013); Richard Wentworth e Alessandra Spranzi, Galleria Nicoletta Rusconi, Milano (2012).

Pubblicazioni

Nello stesso momento

Susanne Stacher

Susanne Stacher è giornalista e critica d’architettura. Ha vinto il premio d’architettura Clemens Holzmeister (Vienna) e ha partecipato alla Biennale d’architettura di Venezia. Nel 2007 ha fondato il gruppo OP.4 architetti con Guy Conand, Fabrizio Fiorentino e Laura Giovannetti.

Simon Starling

Simon Starling si è formato al Nottingham Polytechnic e alla Glasgow School of Art. Il suo lavoro è presente in importanti collezioni di musei come Tate Modern, Londra, Moderna Museet, Stoccolma, Solomon R. Guggenheim Museum, New York, San Francisco Museum of Modern Art, Museum of Contemporary Art, Chicago. Tra le sue mostre personali: Tate Britain, Londra (2013); Power Plant, Toronto (2008); Städtischen Kunstmuseum zum Museum Folkwang, Essen (2007), Portikus, Francoforte (2002), UCLA Hammer Museum, Los Angeles (2002), Hamburg Kunstverein (2001). Nel 2003, Starling ha rappresentato la Scozia alla 50ª Esposizione Internazionale d’Arte, Biennale di Venezia. Premiato nel 2005 con il Turner Prize. Tra i solo show Red, Green, Blue Loom Music, Galleria Franco Noero, Torino (2016) e At Twilight: a play for two actors, one dancer, eight masks and a donkey costume, Common Guild, Glasgow (2016).

Pubblicazioni

Black Drop
Ciné-roman

Robert Storr

Robert Storr è un curatore, critico, artista e scrittore americano. Curatore del dipartimento di Pittura e Scultura del MoMA dal 1990 al 2002, nel 2007 è stato il primo americano a curare la Biennale di Venezia.

Elisa Strinna

Elisa Strinna è un’artista italiana. Dopo essersi diplomata in pittura all’Accademia di Belle Arti di Bologna, termina i suoi studi in Produzione e Progettazione delle Arti Visive allo IUAV di Venezia. Il suo lavoro esplora suono e installazione, esplorando il modo in cui strutturiamo la nostra percezione e i nostri campi del sapere. Nel 2012 viene invitata alla Biennale di Taipei 2012, Taiwan, e alla Nature Addict Travelling Academy, Documenta, Kassel. Nel 2009 segue il workshop tenuto dall’artista Peter Friedl alla Fondazione Spinola Banna, Poirino (TO). Nel 2011 è una delle vincitrici del premio 6ARTISTA alla Fondazione Pastificio Cerere.

Patrik Stromdahl

Anna Della Subin

Anna Della Subin è scrittrice e editor della rivista mediorientale di arte e cultura “Bidoun”. Il suo lavoro è stato pubblicato in The “London Review of Books”, “The New York Times”, “The New Yorker”, “BOMB”, “TANK”, “The White Review” e “The Paris Review Daily”. Ha studiato filosofia all’Università di Chicago e storia delle religioni alla Harvard Divinity School.

Collaborazioni

Negus

Pier Paolo Tamburelli

Collaborazioni

Frantic

Padre Jean Michel de Tarragon

Padre Jean Michel de Tarragon è responsabile del fondo fotografico dell'École Biblique di Gerusalemme.

Collaborazioni

Gerusalemme Fotografata

Pier Luigi Tazzi

Pier Luigi Tazzi vive a Capalle e a NongPrue, Thailandia. Curatore e critico d’arte, è presidente della Fondazione Lanfranco Baldi Onlus dal 1998.

Collaborazioni

Orizzonte in Italia

Matteo Terzaghi

Matteo Terzaghi è scrittore e artista visivo. Il suo libro Ufficio proiezioni luminose, in bilico tra narrativa e saggistica, ha vinto il Premio svizzero di letteratura nel 2014. Nel 2015 in occasione di Babel, il festival di letteratura e traduzione di Bellinzona, ha scavato nel tempo che resta prima della cancellazione delle linee ferroviarie regionali, del paesaggio e dell’avvicinamento graduale al Gottardo, e ha scritto L’anno del conto alla rovescia. I suoi lavori artistici, realizzati in coppia con Marco Zurcher, hanno vinto diversi riconoscimenti nazionali e internazionali.

Pubblicazioni

Gotthard Super Express

Collaborazioni

Nello stesso momento

Emanuele Trevi

Emanuele Trevi, scrittore, saggista e critico letterario, è uno degli autori più importanti e inclassificabili del panorama letterario italiano. Finalista al Premio Strega 2012 con Qualcosa di scritto che, insieme a Il libro della gioia perpetua, è uno dei volumi destinati a restare nella letteratura italiana del XXI secolo. È autore inoltre di reportage letterari sull’India (L’onda del porto) e di riflessioni sul tema del viaggio (Il viaggio iniziatico). Scrive per “il Corriere della Sera”.

Luca Trevisani

Luca Trevisani lavora tra Milano e Berlino. La sua ricerca artistica spazia dalla scultura al video attraversando le arti performative, la grafica, il design, il cinema e l’architettura. Caratteristica delle sue opere è l’instabilità, una condizione evolutiva magnetica e mutante con cui l’artista forza i confini fra ogni singolo elemento dell’opera e l’ambiente. Ha esposto negli anni al Museo Marino Marini Firenze (2014), MAXXI Roma (2012), Haus am Waldsee Berlino (2012), Magasin Grenoble (2011), Mart Rovereto (2011), Daimler Kunstsammlung Berlino (2011), Macro Roma (2010), MAMbo Bologna (2009), Museion Bolzano (2008), Fondazione Sandretto Re Rebaudengo Torino (2008) e Museum of Contemporary Art Tokyo (2007). Ha inoltre partecipato alla Mostra Internazionale di Architettura di Venezia (2010, 2008) e a Manifesta 7, Trentino-Alto Adige (2008). Ha pubblicato Grand Hotel et Des Palmes (Nero, 2015), Luca Trevisani (Snoeck, 2014), The Art of Folding for Young and Old (Cura Books, 2012). Glaucocamaleo, presentato nel 2013 al Festival Internazionale del Film di Roma e nel 2014 al Museo Marino Marini di Firenze, è il suo primo lungometraggio. Nel 2015 ha vinto ArteVisione 2015 con la pellicola Il Cerchio, in prima visione su Sky Arte in collaborazione con Careof e Museo del Novecento Milano.

Carlo Gabriele Tribbioli

Carlo Gabriele Tribbioli vive e lavora a Roma. È laureato in filosofia. La sua pratica artistica, di orientamento progettuale, consiste in istallazioni, performance e film. Fra le sue mostre recenti: Arimortis, Museo del 900, Milano, 2013; Reperti per il prossimo milione di anni, Federica Schiavo Gallery, Roma, 2012; Re-Generation, MACRO, Testaccio, Roma, 2012; Smeared with the Gold of the Opulent Sun, Nomas Foundation, Roma, 2012. Nel 2015, insieme a Federico Lodoli realizza il documentario Frammento 53.

Elisabetta Trincherini

Elin Unnes

Elin Unnes è giornalista, critica musicale e scrittrice svedese. È stata editor di “Vice Scandinavia” e della rivista “Rodeo”. Nel 2014 ha debuttato come scrittrice con il libro The Secret Gardener.

Chiara Valerio

Chiara Valerio ha scritto romanzi e racconti tra cui A complicare le cose (2007), La gioia piccola d’esser quasi salvi (2009), Spiaggia libera tutti (2010). Ha tradotto Flush di Virginia Woolf (2012). È redattore di “Nuovi Argomenti”, scrive per “L’Unità”, la “Domenica del Sole 24 Ore” e “Glamour”.

Pubblicazioni

Epistolae Variae

Giorgio Vallortigara

Giorgio Vallortigara è professore ordinario di neuroscienze e direttore Vicario del Center for Mind/Brain Sciences dell'Università di Trento. È  autore di articoli scientifici su riviste internazionali e di alcuni libri a carattere divulgativo: Altre Menti (Il Mulino, 2000), Cervello di gallina. Visite (guidate) tra etologia e neuroscienze, (Bollati-Boringhieri, 2005) vincitore del Premio Pace per la divulgazione scientifica nel 2006.

Roberta Valtorta

Collaborazioni

Etruschi. Polaroid 1984

Giorgio Vasta

Giorgio Vasta è uno scrittore italiano. Ha pubblicato il romanzo Il tempo materiale (Premio Città di Viagrande 2010, Prix Ulysse du Premier Roman 2011, pubblicato in Francia, Germania, Austria, Svizzera, Olanda, Spagna, Ungheria, Repubblica Ceca, Stati Uniti e Inghilterra), Spaesamento (Laterza, 2010), Presente (Einaudi, 2012, con Andrea Bajani, Michela Murgia, Paolo Nori). Con Emma Dante ha scritto la sceneggiatura del film Via Castellana Bandiera (2013). Collabora con “La Repubblica”, “Il Venerdì”, “Il Sole 24 Ore” e "Il Manifesto”, e scrive sul blog letterario minimaetmoralia.com.

Chiara Vecchiarelli

Chiara Vecchiarelli ha diretto il programma espositivo e di eventi della Emily Harvey Foundation di New York (2012 - 13). È stata assistente del direttore artistico per dOCUMENTA13, Kassel 2012. Nel 2015 ha co-curato una sezione del public program della 14ª Biennale di Istanbul. Nel 2017 ha curato la sezione Special Projects di Artefiera Bologna. Collabora come critico e curatore con Nero, Cura, Flash Art, Buchandlung Walther Koenig, Mousse Publishing.

Collaborazioni

Arrivederci

Riccardo Venturi

Riccardo Venturi è Pensionnaire in storia e teoria delle arti presso l’Accademia di Francia – Villa Medici, Roma (2018-2019). Ha pubblicato Mark Rothko. Lo spazio e la sua disciplina (Electa 2007), Black paintings. Eclissi sul modernismo (Electa 2008) e recentemente co-curato, con Silvia Lucchesi e Alberto Salvadori, la retrospettiva Francesco Lo Savio al MART di Rovereto. Scrive regolarmente per “Artforum”, “Alias – Il Manifesto” (rubrica Cristalli liquidi) e www.doppiozero.com (blog Screen Tests).

Serena Vestrucci

Serena Vestrucci è un’artista italiana che vive e lavora a Milano. Dopo aver frequentato l’Accademia di Belle Arti di Brera e lo IUAV di Venezia, partecipa a diverse residenze d’artista in Italia e all’estero. Tra le sue mostre personali ci sono Tigre Contro Tigre, FuriniArteContemporanea, Roma (2012), Cose che si muovono nel crepaccio ad una lentezza tale da sembrare solo campate in aria, Il Crepaccio, Milano (2012) e I Eat Lunch Between Two Highways, Ottozoo, Milano (2013).

Enrique Vila-Matas

Enrique Vila-Matas (Barcellona, 1948) è considerato uno dei più importanti scrittori spagnoli e una delle voci più significative della narrativa europea,oggi tradotto in trenta lingue. Si è formato nella Parigi degli anni Settanta accanto a Marguerite Duras e da allora è stato uno sperimentatore di forme letterarie diverse, dal racconto breve alla saggistica letteraria, dalla forma autobiografica al romanzo. Quello che accomuna testi così diversi è l'indagine sulle fonti della scrittura e sulla natura della creatività. I suoi libri più noti, tradotti in italiano e pubblicati da Feltrinelli, sono: Il dottor Pesavento (2006), Dublinesque (2010), Esploratori dell’abisso (2011). Vila-Matas ha vinto diversi premi letterari italiani tra cui il Grinzane, il Von Rezzori e il Mondello.

Paul Virilio

Paul Virilio è un filosofo, urbanista, teorico culturale. Esperto di nuove tecnologie francese, Virilio noto principalmente per i suoi scritti sullo sviluppo della tecnologia in relazione alla velocità e al potere, con vari riferimenti all'architettura, all'arte, la città e le organizzazioni militari.

Wu Ming

Wu Ming è un collettivo di scrittori formato nel 2000 a Bologna, divenuto celebre con i romanzi storici "Q" e "54", entrambi Einaudi.

Derek Walcott

Derek Walcott è stato un poeta e scrittore santaluciano, vincitore del Premio Nobel per la letteratura nel 1992. Noto principalmente per le sue opere poetiche e teatrali in lingua inglese, negli anni ottanta è stato professore di poesia ad Harvard e dal 2010 al 2013 all’Essex University.

Peter Weber

Peter Weber vive tra Zurigo e Istanbul. Il suo primo romanzo, Il mago del tempo, è stato un caso letterario salutato per primo da Günther Grass. In seguito Peter ha pubblicato Banhofsprosa e Die melodielosen Jahre. Weber è anche musicista e ha preso parte a diversi progetti sperimentali.

Pubblicazioni

Gotthard Super Express

Simone Bertuzzi/Palm Wine

Rachel Withers

Rachel Withers è laureta in Belle Arti e Storia dell’Arte e dell’Architettura in Europa. Dalla fine degli anni Novanta ha collaborato per “Artforum International”. Ha anche scritto per "The Guardian", "The New Statesman" e "The Nordic Art Review".

Collaborazioni

A Step Towards The Sea

Jean Young

Jean Young è nota per la raccolta Letters from Iceland, pubblicate dall’Università di Birmingham nel 1992. Il libro raccoglie il corpus di lettere spedite dalla Young ai suoi famigliari durante un soggiorno in Islanda fatto in gioventù. In una delle sue lettere si parla anche dell’incontro con “il poeta di Oxford”, il giovane Auden.

Giorgio Zampa

Collaborazioni

Danimarca 1961

Francesco Zanot

Francesco Zanot è il curatore di CAMERA (Centro Italiano per la Fotografia, Torino). Ha lavorato a mostre e pubblicazioni con alcuni dei maggiori fotografi italiani e internazionali. Ha curato monografie di artisti come Guido Guidi, Takashi Homma, Linda Fregni Nagler, Boris Mikhailov e Francesco Jodice. Le sue pubblicazioni più recenti sono dedicate al lavoro di Luigi Ghirri (The Complete Essays) e Alec Soth (Ping Pong Conversations). È associate editor di “Fantom”, trimestrale di fotografia con sede a Milano e New York.

Collaborazioni

Orizzonte in Italia

Li Zhenhua

Li Zhenhua è uno scrittore, curatore, producer e artista che vive tra Shanghai e Zurigo. Ha fondato il Laboratory Art di Shanghai e il Mustard Seed Garden production. Nel 2010 ha collaborato con il festival eARTS di Shanghai.

Collaborazioni

A Step Towards The Sea